Peter Hickman licenziato dal Team MSS Bathams Kawasaki!

hickman6

Ha corso a Donington Park, Mondiale Superbike, sostituendo John Hopkins senza l’autorizzazione del Team con cui disputava regolarmente il British Superbike, salendo su di una Suzuki nonostante il legame con Kawasaki UK: Peter Hickman è stato licenziato!

A Donington c’era un “giallo”, che vi avevamo raccontato. Quel Peter Hickman, “uomo-Kawasaki” nella British Superbike, che correva su di una Suzuki senza l’autorizzazione del proprio Team, legato a doppio filo con Kawasaki UK.

Un “mistero”, perchè poche ore prima del Comunicato-denuncia del Team MSS Bathams, Jack Valentine di Suzuki Crescent aveva presentato il sostituto di John Hopkins per il Round di Donington ringraziando in primis proprio la squadra britannica di Hickman.

E oggi arriva l’Ufficilità: Peter Hickman non aveva ricevuto alcuna autorizzazione ed è stato licenziato con effetto immediato. Il colore dello Sponsor “FIXI” e l’aver indossato una tuta verde non gli hanno salvato il posto.

Nè la squadra nè la Kawasaki Motors UK hanno accordato la partecipazione, di conseguenza è stata presa la decisione di fare a meno dei servigi del pilota con effetto immediato“. Questo il comunicato riportato dal Portale britannico MCN. “Nessuno dal team o da Kawasaki Motors UK ha consentito al pilota di prender parte all’evento: per questa stagione Hickman non fa più parte della nostra squadra.  Hickman non ha rispettato gli accordi e non ci ha lasciato altra scelta. Adesso stiamo cercando un valido sostituto da affiancare a Michael Rutter per puntare in alto nel BSB 2012.

Quale sarà adesso il futuro del pilota inglese? A Donington ha ben figurato, concludendo Gara 2 al 9° posto. Ma era la sua pista e la sua gara di casa, senza contare che John Hopkins dovrebbe riprendersi senza troppi problemi addirittura per la prossima gara, la trasferta americana di Miller in programma dal 26 al 28 Maggio 2012. Anche se resta difficile pensare che Hickman e FIXI Crescent abbiano fatto tutto ciò senza pensare alle conseguenze.

 

Commenti

commenti