SBK Portimao: le ultime pagelle della stagione!

melandri portimao 2011 gara2

Come già accennato domenica la gara di Portimao, che ha chiuso il Mondiale 2011 vinto da Carlos Checa, è stata un perfetto sunto di quanto visto nel corso di tutto il Campionato.


Di positivo ritroviamo un Checa pigliatutto mai sazio di vittorie, un Melandri che sembra aver trovato nella “serie B” delle due ruote la serenità e il piacere di correre in moto persi negli anni della MotoGP, un Biaggi ancora capace di ottime prestazioni nonostante una stagione compromessa fin dall’inizio e tanti Rookies quali Laverty, Guintoli, Lascorz, Badovini, Berger: giovani agguerriti e capaci di inserirsi in ogni gara, senza troppi timori, nella lotta per le prime posizioni.
Purtroppo ci tocca assistere anche a prestazioni deludenti come quelle dei 2 BMW ufficiali: un Haslam che annaspa nelle retrovie e un Corser, ormai giunto al ritiro, che nella sua ultima gara non rende giustizia di quanto fatto in quasi 20 anni di onorata carriera. Lo stesso vale per un Haga che pare aver perso “la sbatta” di correre, se non in 2 o 3 occasioni all’anno.

Tutto ciò contornato dalle indiscrezioni su un mercato piloti mai così vivo come in queste settimane, alimentato dal ritiro di Yamaha e dai recenti problemi del team manager e main sponsor di Ducati Althea, Genesio Bevilacqua.
Le voci si sono sprecate, spesso tanto incoerenti e infondate che pareva saltassero da un giorno all’altro anche le selle di piloti già dati per accasati.
Fortunatamente per noi poveri appassionati, in questo weekend le cartucce più grosse sono state sparate e i tasselli si stanno lentamente ricomponendo, comunque del mercato avremo modo di parlare ampiamente nelle prossime settimane.
Ora diamo un occhio a come si sono comportati i piloti: ecco l’ultima pagella dell’anno.

Guintoli 10
Eroe di giornata, si vede che la birra dello sponsor Effenbert non era proprio analcolica!
Fuggitivo in gara1, chiunque avrebbe  scommesso per una spianata o un crollo verticale entro una manciata di giri, invece resta lì davanti e gestisce la gara come se per lui fosse più che normale gestire la testa della corsa. In gara2 non riesce a mantenere il livello ma la grinta dimostrata, insieme al risultato di gara1, basta e avanza per meritarsi la doppia cifra.

Checa 9
Che dire, quest’anno ci ha abituati fin troppo bene. Chiude la stagione mettendo in atto un breve riassunto di come l’ha conquistata: sportellando fino alla fine quando ne aveva e difendendo la posizione coi denti quando gli altri bastonavano. Un Campione.

Melandri 9
Gara1 l’ha dovuta soffrire per colpa di una gomma vistosamente difettosa, così in Gara2 ha voluto dimostrare fin da subito che quando se la sente non ce n’è per nessuno.
Chiude la stagione nel migliore dei modi e con l’amarezza per dover subire le decisioni di qualcuno che sta dietro a una scrivania lontana dai circuiti.

Rea 9
Finalmente una gara all’altezza delle sue possibilità. Ok, non è come una vittoria ma dopo un anno sottotono (e non certo per colpa sua) ci voleva proprio.

Laverty 8
C’è ed è cattivo, deciso fin da subito e mai arrendevole.
Gioca un Jolly mica male in gara1 rischiando di stendersi da solo e portando con sè un paio di avversari. In gara2 conquista di prepotenza un podio meritatissimo, così come secondo noi si merita a pieno il sottotitolo di “di rookie dell’anno”.

Biaggi 8
Remuntada per lui dopo aver saltato la superpole: parte 17° e sfiora il podio in gara1, in gara2 si ferma alla 7° posizione ma ce l’ha messa tutta, come dimostrano i tanti piccoli errori commessi in gara.
Chiude una stagione un po’ opaca(rispetto alle aspettative si intende) difendendo con i denti la terza posizione in classifica e conservando i migliori intenti per l’anno prossimo.

Lascorz 7,5
Altro eroe di giornata: bellissima gara1 condotta magistralmente dietro i primissimi, molla un po’ nella seconda ma in entrambe fa comunque meglio del compagno Sykes.

Berger 7
Ottime gare per il giovane francese sulla privatissima Ducati del team Supersonic, già il fatto di vederlo inquadrato è indice della bontà della sua prestazione.

Badovini 7
E’ vero, non è stata una delle sue prestazioni migliori ma se vogliamo metterla come va di moda di questi tempi ” è la miglior BMW in pista”: prima tedesca in gara2, prima tedesca del suo team in gara1.
Visto che è la fine dell’anno il 7 è il premio per quanto fatto nel 2011 e incoraggiamento per l’anno prossimo.

Camier 5,5
Finisce le gare, non cade, ma per la moto che guida dovrebbe andare molto meglio. Magra consolazione finire gara 2 davanti al compagno zoppo.

Haslam 5
Si gioca il trofeo Bmw con Badovini. Peccato che, a differenza dell’italiano, non sia un esordiente e pare debba puntare al mondiale.

Corser 5
Gare pessime, è un 5 ad honorem perchè questo weekend è stato veramente anonimo. Brutto modo di chiudere una carriera stupenda.

Smrz 5
Bello lo spot della birra ma deve averne bevuta troppa, sarebbe una prestazione quasi decorosa se non fosse che il suo socio di bevute quasi vinceva gara1. Perso in questo fine campionato.

Haga 4
Fa venire il nervoso: su 13 appuntamenti e 26 gare, ne fa 2 o 3 decenti.  Non si può vedere uno del suo calibro così indietro in un campionato pieno di debuttanti.

 

Commenti

commenti