Nuova Smart BRABUS, una utilitaria inutile. 109 CV Turbo tra vizi e virtù.

dav

Smart BRABUS 2017, il ritorno della “B” sulla Citycar tedesca. Motore Turbo da 109 CV, cambio Twinamic doppia frizione, cura estetica notevole, allestimento top gamma, eccetera eccetera. Tante novità positive ma anche qualche passo falso. Ecco com’è l’utilitaria: inutile ed al tempo stesso irrinunciabile.

L’attesa è finita, Smart torna a vestire Brabus. L’elaboratore (e Costruttore) tedesco prosegue la collaborazione con Mercedes-Benz che, per quanto concerne il marchio dedicato alla piccola utilitaria, è cominciata nel 2003, partendo dalla W450, passando per la W451 e giungendo ad oggi con la W453.

Il motore tre cilindri dotato di Turbocompressore è stato spinto fino a quota 109 CV (80 kW), potenza erogata a 5.750 giri, mentre il valore della coppia massima si assesta ad un buon 170 Nm a 2.000 giri.

Le modifiche apportate al piccolo 898cc montato in basso, tra i sedili e l’asse posteriore, non sono strutturalmente notevoli: pressione del carburante aumentata, aspirazione dell’aria rivista e ovviamente una nuova mappa per la gestione elettronica del propulsore. La Factory di Bottrop avrebbe voluto e potuto tirar fuori qualcosa in più, ma la prerogativa di Mercedes-Benz era quella di mantenere il motore affidabile rispecchiando i cicli di manutenzione della versione di serie.

smart-brabus-turbo-2017-2

Le altre modifiche riguardano le meccanica di sospensioni e telaio, con assetto sportivo Performance BRABUS (più rigido del 20% rispetto alla versione di serie), barra stabilizzatrice anteriore con riduzione del rollio del 9% e servoassistenza dello sterzo rivista (più diretta e precisa).

La piccola Brabus differisce anche nel comparto della gestione elettronica del cambio Twinamic, il cambio automatico a doppia frizione con paddles al volante fiore all’occhiello della Smart W453. La trasmissione a sei marce ha rapporti più corti e, udite udite, è presente la funzione Race Start.

Attivarla è molto facile: basta schiacciare il freno, accelerare e rilasciarlo. Il suono è un po’ più arrogante, ma nulla di particolarmente distintivo (purtroppo): l’impianto di scarico sportivo scelto dalle due Aziende è discreto, “per tutti”. La tentazione di aprirlo di più pervade il guidatore già dopo pochi chilometri.

Esteticamente le differenze sono evidenti: diffusore posteriore in matt grey con terminali di scarico cromati, cerchi in lega BRABUS Monoblock IX nella tonalità grey, torniti con finitura a specchio e verniciatura opaca. La Fortwo calza pneumatici Yokohama 185/50 R16 H (anteriori) e 205/40 R17 H (posteriori), differenziando dunque di un pollice il diametro dei due assi. Quattro cerchi da 17″ invece per la Forfour (185/45 R17 H e 205/40 R17 H). Ci sono anche i LED.

Questo fuori, dentro? Arriva l’allestimento top gamma, il BRABUS Xclusive, con sedili sportivi rivestiti in pelle Nappa traforata (riscaldabili), plancia strumenti, tappettini, indicatore con orologio e contagiri e qualche targhetta qua e là, il tutto marchiato BRABUS.

Le sorprese più piacevoli della nuova generazione Smart Brabus sono sostanzialmente due. Il cambio a doppia frizione che, finalmente, dona reattività e scatto senza quei buchi che se sui precedenti modelli davano molto fastidio, sulla gamma Brabus diventavano inaccettabili. E la svolta di look e prestazioni per quanto concerne la Forfour, esemplare che ai tempi risultò un buco nell’acqua.

smart-brabus-turbo-2017-4

La quattro porte di Casa Smart è quella fa il salto di qualità più evidente nella versione Brabus. Il kit estetico la fa sembrare più lunga, più larga, più “tanta”… insomma, più Automobile. E i 109 CV la rendono tale anche nella sostanza. Se agli occhi di alcuni la Forfour di serie sembra “bruttina”, la versione Brabus rimette le cose a posto. Il suggerimento è quello di proporre un Kit estetico simile anche sulla Forfour di serie, magari ad un prezzo abbordabile: non potrebbe che giovare alle vendite.

smart-brabus-turbo-2017-1

Il lato negativo? Questa generazione di Smart pesa parecchio di più. Tecnologia, nuovo cambio, sistemi di sicurezza attivi e passivi, insonorizzazione, comfort vari si pagano in termini di peso e la piccola peste è ormai abbondantemente oltre quota 900 kg.

A seconda delle dotazioni (sedili riscaldabili, per esempio) ci si può avvicinare più ai 1000 che ai 900. Peccato, perchè il nuovo pacchetto motore-trasmissione applicato alla stazza del vecchio modello (più di 100 kg in meno!) ci avrebbe regalato una bella “scatoletta” da Città con motore centrale, trazione posteriore e cambio al volante. Infatti nello scatto da fermo perde qualche decimo rispetto alla vecchia, che a 100 km/h arrivava in 8.9 secondi nonostante 102 CV di potenza per 147 Nm di coppia e 100 centimetri cubici di cilindrata in più.

Va comunque bene, per essere una Citycar, e si guida meglio della precedente: 0-100 km/h in 9.5 secondi, velocità massima 165 km/h reali, ESP presente ma non troppo (si può fare i stupidi, come diciamo qui), consumi civilissimi (4,5 l/ 100 km dichiarati nel combinato, saranno qualcosa in più, ma siamo lì) e, nonostante il comportamento sottosterzante indotto dal set-up di base, regala gioie impareggiabili per una Citycar. È pur sempre una due posti con il motore e la trazione dalla parte giusta!

I prezzi sono importanti per il segmento. La Smart BRABUS è una di quelle automobili che possono essere definite tranquillamente inutili. Tipo tutti i mezzi meccanici che ho nel mio Garage. Prima di lei ci sono decine di versioni che fanno le stesse cose e costano molto meno.

smart-brabus-turbo-2017-3

Chi la prenderà lo farà per sfizio, perchè ci si può concedere di sognare qualcosa in più anche quando si parla di Citycar. 19.899 euro per la BRABUS Fortwo, 23.250 euro per la BRABUS Fortwo Cabrio, 20.650 euro per la BRABUS Forfour. E se la vorrete completamente “full”, ovvero in allestimento BRABUS Xclusive, bisognerà aggiungere circa 3.000 euro. Vizi e virtù: l’esagerazione Brabus e l’urbana razionalità Smart.

Il compito della nuova nata è anche quello di trainare l’allestimento Nightrunner, versione dal look più incazzato basata sulla Turbo da 90 CV e che di euro ne costa 18.990. Funziona così. Ma a quel punto ti prendi la BRABUS che va più forte, no?

Commenti

commenti