Moto3, Brad Binder fenomenale in Spagna: parte ultimo e vince il Gran Premio!

brad-binder-moto3-jerez-2016-spagna-vittoria

Grandissimo successo di Brad Binder nel Gran Premio di Spagna, Classe Moto3. A Jerez il Sudafricano della KTM rimonta dall’ultimo posto e trionfa in un Podio completato da Nicolò Bulega e Francesco Bagnaia.

Da ultimo a primo. Brad Binder (KTM Red Bull) firma un Gran Premio Leggendario a Jerez de la Frontera: il pilota Sudafricano, costretto a partire dall’ultima posizione dello schieramento per irregolarità nell’elettronica riscontrate al termine delle Qualifiche di ieri, rimonta e trionfa nel Gran Premio di Spagna della Classe Moto3 battendo gli italiani Bulega (KTM SKY Racing Team VR46) e Bagnaia (Mahindra Aspar).

Un risultato di enorme importanza anche in ottica iridata, visto che la bagarre tra Bulega, Bagnaia e Navarro porta al primo Podio in Carriera del pilota del Team VR46 SKY, secondo al traguardo, e relega lo spagnolo del team Estrella Galicia 0,0 ad un quarto posto che gli fa perdere molti punti nei confronti di Binder.

Binder che ora guida la Classifica del Mondiale Moto3 con ben 77 punti contro i 62 di Jorge Navarro e i 47 di Romano Fenati, che oggi non è andato oltre il settimo posto. Sale invece a 36 punti proprio Nicolò Bulega.

CRONACA GARA (motogp.com).

Si conclude il fine settimana a Jerez de la Frontera e la gara della classe minore è la prima a svolgersi sul tracciato andaluso. La nebbia e una temperatura di circa 15 gradi hanno caratterizzato il warm up della mattinata dove il più veloce è stato il leader iridato Brad Binder. Il pilota Red Bull KTM a causa di alcune irregolarità riscontrate sulla sua mappatura però è retrocesso in ultima fila della griglia di partenza.

Il warm up della Moto3 a causa delle condizioni climatiche e della poca visibilità ha subito un ritardo di 35 minuti ma con il passare delle ore il sole ha iniziato a splendere sulla pista andalusa alzando la temperatura dell’asfalto a 25 gradi. Ottime condizioni climatiche per la prima gara del GP spagnolo con le Donlop medie scelte da quasi tutti i corridori.

La prima fila in griglia di partenza è quindi composta da Nicolò Bulega, autore della pole, Navarro e Bagnaia. In seconda fila due italiani vicini: Niccolò Antonelli, scuderia Ongetta-Rivacold e Enea Bastianini del team Gresini Racing; chiude lo spagnolo Joan Mir di Leopard Racing. Antonelli accusa un problema alla moto e parte dalla pit lane, la sua gara sarà difficile e finirà con il ritiro.

Allo spegnersi del semaforo scatta bene Bagnaia davanti a Bulega ma è infilato da Navarro. Cadono Jorge Martin, pilota ASPAR e il portacolori Leopard Fabio Quartararo mentre il gruppo si allunga nel primo giro. Mir e Fenati seguono da vicino il trio di testa che si spacca con i due battistrada che staccano di qualche metro il numero 8. Bulega spinge mentre dietro si accende la lotta nel gruppo comandato dall’altro pilota SKY Team VR46. Hiroki Ono, Honda Team Asia e Andrea Locatelli di Leopard Racing vengono a contatto e cadono al terzo giro quando i tre davanti staccano il resto dei corridori di 1.767s.

Fenati detta il ritmo del gruppo principale tenendo a bada gli attacchi di Jakub Korfeil, Drive M7 mentre Bulega sale al secondo posto dopo aver superato il connazionale Bagnaia alla curva due e si attacca al codino di Navarro; l’italiano sorpassa lo spagnolo mettendosi al comando della corsa. Cade Aron Canet, Estrella Galicia 0,0, quando Fenati viene superato da Philipp Oettl, Schedl Racing e da Mir. Nel gruppo centrale adesso entra Binder autore di una dura rimonta, il sudafricano risale le posizioni e arriva alla ruota di Fenati che ora è sesto, superandolo e attendendo l’attacco al pilota Leopard e Schedl.

Quando mancano 15 giri alla fine Binder è quarto e guida il gruppo di inseguitori mentre il trio di testa è nuovamente comandato da Navarro, cade John McPhee di Peugeot Saxoprint. Nicolò Bulega ora è terzo e leggermente staccato Bagnaia. Grande ritmo del leader della classifica iridata che ora vede i tre piloti al comando vicini. Tra questi il duello non si affievolisce e si prevede un arrivo in volata alla quale si potrebbe aggiungere il sudafricano sempre più vicino alla terza posizione.

A dieci giri dalla fine i quattro sono ormai un gruppo unico con Binder che non aspetta il finale di gara per accendere il duello. Supera in staccata Bulega e si mette alla caccia di Bagnaia che al nono giro diventa il nuovo primo prima di sbagliare alla curva uno ed essere infilato da Navarro e Binder.

È il quinto giro e dopo diversi cambi di posizione e l’entrata decisa del sudafricano nei confronti dello spagnolo numero 9 il gruppo che guida la corsa è a oltre sette secondi e mezzo dal pilota in quinta posizione. Binder ora è primo e prova ad allungare su Navarro, i due italiani sembra che aspettino il momento giusto per colpire ma il primo sembra distante per essere impensierito. A due giri il portacolori Red Bull KTM è primo a 2.027s sullo spagnolo e la partita per la vittoria sembra ormai conclusa.

Ultimo giro e Bulega tenta l’assalto finale, in un colpo solo infila il connazionale su Mahindra e Navarro che però risponde e lo supera a sua volta; la lotta si infiamma, i tre si sorpassano e lottano spalla a aspalla fino a che il pilota SKY Team VR46, all’ultima curva, ha la meglio sui rivali lanciandosi sul traguardo in seconda posizione davanti a Bagnaia e Navarro. A chiudere le prime sei posizioni e staccati di oltre 13 secondi, Kornfeil, Mir e Fenati.

Con i risultati di Jerez il sudafricano è sempre più leader della classe leggera con 77 punti, segue Navarro con 62 e Fenati con 47. Prossimo appuntamento del Campionato del Mondo Moto3 sarà il GP di Francia che si aprirà venerdì 6 maggio.

Risultato GP Spagna Moto3 2016, Jerez de la Frontera, domenica 24 aprile 2016.

1 25 41 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Ajo KTM 41’29.882 147.0
2 20 8 Nicolo BULEGA ITA SKY Racing Team VR46 KTM 41’33.218 146.8 3.336
3 16 21 Francesco BAGNAIA ITA ASPAR Mahindra Team Moto3 MAHINDRA 41’33.323 146.8 3.441
4 13 9 Jorge NAVARRO SPA Estrella Galicia 0,0 HONDA 41’33.395 146.8 3.513
5 11 84 Jakub KORNFEIL CZE Drive M7 SIC Racing Team HONDA 41’43.610 146.2 13.728
6 10 36 Joan MIR SPA Leopard Racing KTM 41’43.815 146.2 13.933
7 9 5 Romano FENATI ITA SKY Racing Team VR46 KTM 41’43.875 146.2 13.993
8 8 33 Enea BASTIANINI ITA Gresini Racing Moto3 HONDA 41’43.934 146.2 14.052
9 7 95 Jules DANILO FRA Ongetta-Rivacold HONDA 41’44.291 146.2 14.409
10 6 65 Philipp OETTL GER Schedl GP Racing KTM 41’44.470 146.2 14.588
11 5 16 Andrea MIGNO ITA SKY Racing Team VR46 KTM 41’44.756 146.2 14.874
12 4 58 Juanfran GUEVARA SPA RBA Racing Team KTM 42’00.199 145.3 30.317
13 3 19 Gabriel RODRIGO ARG RBA Racing Team KTM 42’00.550 145.2 30.668
14 2 89 Khairul Idham PAWI MAL Honda Team Asia HONDA 42’05.628 145.0 35.746
15 1 24 Tatsuki SUZUKI JPN CIP-Unicom Starker MAHINDRA 42’05.665 145.0 35.783
16 7 Adam NORRODIN MAL Drive M7 SIC Racing Team HONDA 42’05.789 144.9 35.907
17 11 Livio LOI BEL RW Racing GP BV HONDA 42’05.967 144.9 36.085
18 12 Albert ARENAS SPA MRW Mahindra Aspar Team MAHINDRA 42’06.189 144.9 36.307
19 6 Maria HERRERA SPA MH6 Laglisse KTM 42’15.473 144.4 45.591
20 37 Davide PIZZOLI ITA Procercasa – 42 Motorsport KTM 42’20.650 144.1 50.768
21 64 Bo BENDSNEYDER NED Red Bull KTM Ajo KTM 42’23.677 143.9 53.795
22 99 Enzo BOULOM FRA Procercasa – 42 Motorsport KTM 42’23.867 143.9 53.985
23 3 Fabio SPIRANELLI ITA CIP-Unicom Starker MAHINDRA 42’51.908 142.3 1’22.026

Commenti

commenti