Enduro GP, Marocco. Mathias Bellino e Matthew Phillips dominano le prime due giornate 2016.

12961492_10154798434749816_319759080275761391_n

Mondiale Enduro 2016, Marocco. Ad Agadir si è appena concluso il primo Gran Premio della stagione 2016 del Campionato del Mondo Enduro. La prima gara dell’anno si presentava colma di interesse grazie alla novità regolamentare della classe Enduro GP, la vecchia Assoluta, e a numerosi nuovi arrivi e cambi di casacca di piloti importanti.

Partiamo proprio con la neonata categoria Enduro GP. La prima giornata è andata al campione del mondo E3 in carica Mathias Bellino, sempre in sella alla Husqvarna, ma per il 2016 sceso di classe e approdato alla E2. Il francese, per aggiudicarsi l’assoluta, ha dovuto vedersela con il connazionale Johnny Aubert, Beta 300, e con Matthew Phillips, già suo grande avversario lo scorso anno.

Aubert e Phillips hanno concluso staccati rispettivamente di 21 e 27”, relegando fuori dal podio il velocissimo Steve Holcombe e il nostro Alex Salvini, come sempre migliore degli italiani, anche se apparso non ancora al livello dei migliori.

La classe Enduro 1 è stata terra di conquista di Eero Remes, campione in carica, che ha regolato per pochi secondi i rookie Jamie McCanney e Nathan Watson. Quarto ha concluso Victor Guerrero e quinto un’ottimo Gianluca Martini, mai così competitivo al mondiale.

Mathias Bellino ha naturalmente fatto sua anche la vittoria di classe Enduro 2, davanti a Matt Phillips e ad Alex Salvini. Salvini è riuscito a salire sul podio per un pelo, spuntandola su Taylor Robert per un’inezia: appena due decimi di secondo dopo oltre cinquanta minuti di prove cronometrate.

Johnny Aubert ha piazzato la zampata in Enduro 3, dove ha conquistato il successo davanti alla rivelazione Steve Holcombe e al consistente Antoine Basset. Ottima la quarta piazza del pilota TM Manuel Monni.

12998461_10154798313599816_3294547979121911922_n

Tra gli Junior è finalmente tornato alla vittoria Giacomo Redondi. Il bergamasco ha messo dietro i piloti spagnoli Josep Garcia e Kirian Mirabet. Brutta giornata per Davide Soreca, costretto all’ultima posizione a causa dei numerosi minuti persi durante la prima linea per rimuovere un banner pubblicitario avvoltosi sulla ruota.

La seconda giornata, conclusa da pochi minuti, ha visto un ribaltamento dei piloti in testa alla classifica. Oggi l’ha spuntata Matt Phillips sulla Sherco 300 4t. L’australiano ha staccato di 15” Mathias Bellino e di quasi mezzo minuto il pilota E1 Eero Remes, decisamente più efficace di ieri a livello assoluto. Giù dal podio della Enduro GP Steve Holcombe, Alex Salvini e uno strepitoso Gianluca Martini.

Vista l’assoluta, la E1 è stata ancora monopolizzata dal finlandese Remes, che ha relegato a poco meno di 30” Gianluca Martini sulla Kawasaki del team KE. Per l’italiano, dopo il già buono piazzamento di ieri, si tratta di gran lunga della miglior prova in carriera! Dietro al campione in carica e alla sorpresa di questo GP ha concluso Nathan Watson.

La Enduro 2 è andata a Matt Phillips, vincitore davanti al solito Bellino e ad Alex Salvini, lontano 39” dalla vetta. Grande delusione per Christophe Nambotin, solo nono ieri a causa di un infortunio rimediato a inizio giornata e oggi nemmeno partito.

In E3 è arrivata la prima vittoria in carriera tra i Senior per il debuttante Steve Holcombe, sulla Beta 300 Factory. Il britannico ha restituito il favore al compagno di squadra Johnny Aubert, oggi solo terzo anche alle spalle di Antoine Basset. Quinto oggi Manuel Monni davanti a Thomas Oldrati, sesto.

Nella Enduro Junior è arrivata la seconda affermazione consecutiva per Giacomo Redondi, ancora davanti a Josep Garcia. Terzo stavolta si è piazzato il portoghese Diogo Ventura, davanti a Kirian Mirabet, terzo ieri, e a Oliver Nelson. Davide Soreca è settimo, Matteo Rossi decimo, Michele Marchelli quattordicesimo e Matteo Bresolin solo sedicesimo.

Commenti

commenti