Da Giancarlo a Johnny: com’è finito il Mondiale quando un pilota ha vinto le prime due gare?

rea-falappa-superbike

Come è finito il Mondiale Superbike quando un pilota è riuscito a vincere le prime due manches della Stagione? Lo ha fatto Johnny Rea a Phillip Island ed è la decima volta che questo succede. Vediamo cosa dice la Storia…

Johnny Rea ha cominciato il Mondiale Superbike 2016 andando a vincere entrambe le gare disputate questo weekend a Phillip Island. Il Campione del Mondo in carica, con il numero 1 sul cupolino della sua nuova Kawasaki Ninja ZX-10R, ha trionfato nel nuovo format che prevede Gara 1 al Sabato e Gara 2 alla Domenica, tra le ore 14 e le ore 16 locali a seconda del Continente e delle esigenze televisive europee.

La doppietta messa a segno da Rea in Australia è a suo modo storica perchè era dal 2011 che un pilota non riusciva a vincere entrambe le gare del primo Gran Premio.

L’ultimo a riuscirci fu Carlos Checa con la Ducati, conquistando in sella alla 1098R del Team Althea Racing le prime vittorie in un Campionato che alla fine lo incoronò Campione del Mondo senza particolari problemi, staccando di ben 110 punti la Yamaha di Marco Melandri.

Per trovare un’altra doppietta dobbiamo tornare al Mondiale Superbike 2003, quando Neil Hodgson dominò le gare di apertura di Valencia. Anche in quel caso fu l’antipasto di un dominio visto che il britannico vinse poi il Titolo con 103 punti di vantaggio sull’altra Ducati di Ruben Xaus.

Nel 2000 Colin Edwards si impose nelle due gare del Sud Africa con la Honda RC51 e a fine Stagione vinse il Mondiale con 65 punti di vantaggio sulla Yamaha di Nori Haga, anche se pesò tantissimo la squalifica inflitta al pilota giapponese.

Altra doppietta in Sud Africa ed altro Titolo conquistato a fine Stagione anche nel 1999, questa volta con la firma di Carl Fogarty su Ducati. King Carl aveva seguito lo stesso ruolino di marcia nel 1995, ovviamente con la Ducati, facendo doppietta ad Hockenheim e vincendo poi il Titolo iridato con 139 punti di vantaggio su Troy Corser.

Nel 1990 Raymond Roche si laureò Campione del Mondo con la Ducati battendo la Yamaha di Fabrizio Pirovano per 57 punti e vincendo le prime due gare di Jerez de la Frontera. Era la terza edizione del Mondiale SBK e fu la prima volta che un pilota riuscì a fare “doppietta” al primo colpo.

Nella Storia del Mondiale Superbike ci sono state poche eccezioni. Tre, per l’esattezza. La più recente è quella del 2001 e vide protagonisti Troy Corser e Aprilia. L’australiano regalò alla RSV Mille le due gare di apertura di Valencia, ma il Titolo andò a Troy Bayliss su Ducati (a Valencia due volte secondo), mentre Corser concluse il Campionato al quarto posto senza riuscire più a vincere una corsa.

Altra eccezione nel 1996, quando l’americano John Kocinski si prese Gara 1 e Gara 2 nel round inaugurale di Misano Adriatico ma, pur restando sempre in lotta, terminò il Campionato al terzo posto dietro al Campione Troy Corser (Ducati) e ad Aaron Slight (Honda).

La terza eccezione, ancor più remota, è datata 1993 e riguarda il grande Giancarlo Falappa, vincitore delle manches inaugurali di Brands Hatch in sella alla Ducati 888 ma a fine Stagione solamente quinto nonostante altre cinque vittorie.

In sintesiun pilota è riuscito a vincere le prime due gare del Mondiale SBK nove volte ed in sei occasioni si è laureato Campione del Mondo. L’ultimo a riuscirci è stato Carlos Checa nel 2011, l’ultimo a mancare l’appuntamento con il Titolo Troy Corser nel 2001.

Quest’anno tocca ufficialmente a Johnny Rea, Campione in carica e vincitore delle due gare di Phillip Island. Il decimo caso…

Commenti

commenti