Precisazione di Thomas Chareyre sulla situazione Mondiale e Budget.

thomas-chareyre-ottobiano-tm-supermoto-2015

Thomas Chareyre interviene per chiarire la campagna di raccolta fondi: c’è stata una grave incomprensione tra l’Agenzia che cura l’operazione ed il pilota francese.

TM Racing e gli Sponsor del Mondiale non sono coinvolti nell’operazione che, invece, riguarda il Team TC4 ed il Campionato francese.

Aggiornamento: il modo con il quale è stata impostata la campagna non è stata accolta con altrettanto entusiasmo da TM Racing, tanto che Thomas è intervenuto a riguardo su www.infullgear.com spiegando che quanto pubblicizzato nel progetto, affidato ad una Società esterna, è inesatto e non si riferisce al Mondiale, quanto al Campionato francese.

Nella raccolta fondi (che ora sappiamo essere curata da un’Agenzia) si parla dell’obiettivo di diventare Campione mondiale per la quinta volta ed entrare nella Storia proprio attraverso l’eventuale trionfo, ma la volontà del pilota e la destinazione della campagna è in realtà riferita al Campionato francese.

Un pesante errore da parte di chi ha coordinato l’iniziativa, perchè cambia completamente il senso dell’operazione ed il ruolo di TM Racing e dei suoi partners. Il piano sportivo del Team TC4 in Francia ha partner diversi rispetto al ruolo di ufficiale di Chareyre nel Mondiale.

Queste infatti le parole di Thomas Chareyre:

“Mi scuso pubblicamente per quanto avvenuto. Come prima cosa tengo a precisare che ho dato mandato ad una società specializzata nella procacciazione di sponsor in modo da poter dar forma e struttura a questo progetto. L’obiettivo per il 2016 sarà da partecipare al Campionato Francese Supermoto con un mio team privato Team TC4, nel pubblicizzare questa operazione sono state fatte affermazioni non idonee a quanto da me richiesto. La mia partecipazione al campionato mondiale supermoto è finanziata e lo è sempre stata da Tm Racing SPA e da tutti i nostri sponsor. In tutti questi anni di collaborazione con Tm Racing ed i nostri sponsor non ci sono mai stati problemi per quanto riguarda l’aspetto economico finanziario. Per tutti questi motivi chiedo pubblicamente scusa alla Tm Racing e a tutti i nostri collaboratori”.

Nel Supermoto succede che il quattro volte Campione abbia bisogno di una colletta per correre.

Succede che un quattro volte Campione del Mondo debba ricorrere al finanziamento da parte dei fans per poter correre.

Il Supermotard è una bellissima disciplina che a metà anni 2000 ha conosciuto il proprio massimo splendore per affezionati e numero di praticanti.

Ma non è mai riuscita ad esplodere, complici tanti errori commessi a livello tecnico e sportivo che hanno portato al disinteresse delle Case principali, ma anche nella gestione di un Mondiale che Mondiale non è mai diventato.

Sono stati tanti gli addii di piloti che si erano affacciati in questa disciplina sia per il talento, sia per i costi molto più accessibili rispetto al resto del panorama motociclistico.

Uno dei simboli della situazione nella quale versa il movimento Supermoto è, oggi, quella di Thomas Chareyre.

Thomas è francese e quest’anno compirà 28 anni. Non è un ragazzotto in cerca di budget per poter mettersi in mostra in sella alla sua TM, dimostrare ciò che vale e rimediare qualche sponsor.

Thomas è un quattro volte Campione del Mondo e, di fatto, rappresenta una disciplina. Eppure è ufficialmente a caccia di fondi per finanziare il proprio 2016.

Ed è anche fratello minore di Adrian Chareyre, anch’egli Campione del Mondo Supermoto per quattro volte, ritiratosi a soli 28 anni nel 2014 preferendo aprire un’attività di vendita Stampanti 3D, proprio in Italia.

Thomas di mollare non ne vuole ancora sapere e così, a meno di due mesi dal via del Mondiale Supermoto, ha deciso di lanciare una Iniziativa che prevede un contributo a partire da 10 Euro da parte dei Fans.

È possibile partecipare al finanziamento della Stagione di Thomas su vari livelli. Con una quota simbolica di 10 euro e con successivi “tagli” da 20, 30, 50, 70, 100, 250, 500, 750 e 1000 euro.

Contribuendo economicamente alla Stagione di Thomas Chareyre si potranno ricevere gadgets e cimeli di gara del pilota francese, fino ad iniziative dedicate come una giornata di allenamento in pista con il Campione del Mondo (500 euro) ed un weekend di gara nel Paddock con tanto di Hotel e Hospitality (750 euro).

Con 1000 euro, invece, si diventa sponsor ufficiali del pilota e della moto, con tanto di adesivo e marchio nel Campionato iridato 2016.

È possibile partecipare all’iniziativa collegandosi a Fosburit, la piattaforma scelta da Thomas per la propria raccolta fondi, che trovi a questo link.

Certo, risolverà il guaio stagionale di Thomas e non gli enormi problemi che affliggono la Disciplina del Traverso. Ma tant’è.

Commenti

commenti