Hell’s Gate 2016. Il 6 Febbraio l’Enduro Estremo torna in Toscana.

IMG_4265

Il Ciocco, Lucca. Mancano solamente due giorni alla tredicesima edizione di Hell’s Gate, gara di enduro estremo tra le più infernali che siano mai state organizzate.

Il 6 febbraio 2016 è il giorno prestabilito per la nuova edizione della corsa, che quest’anno si presenta rinnovata sotto parecchi aspetti.Dal 2004, anno della sua nascita, al 2015 Hell’s Gate è rimasta fedele a sé stessa e all’idea originaria di Fabio Fasola, suo malvagio inventore.

Per il 2016 ci sono numerose novità, volte anche a rimediare al mezzo passo falso dell’ultima edizione, quando una scellerata tabella di marcia finì con l’escludere il novanta percento dei concorrenti ancor prima della metà gara.

Il regolamento generale non cambia: ci sarà ancora la fase mattutina di qualificazione, con partenza alle 7:00, al termine della quale i primi trenta piloti si classificheranno per il massacro pomeridiano.

Il tracciato però sarà più corto, più concentrato e intenso: più passaggi da percorrere, e il pubblico ringrazia. Al mattino i giri saranno sette, contro i quattro o cinque delle passate edizioni, con la consueta prova speciale in linea ed un controllo orario. I primi trenta, come detto, accederanno alla Hell’s Gate vera e propria, con partenza fissata alle 16 sulla griglia asfaltata in stile supermotard.

È questa la fase che cambia maggiormente. Non più cinque tornate, bensì addirittura dieci. Ed è nuovo anche il criterio di eliminazione dei concorrenti: al termine del quinto passaggio rimarranno in corsa i primi 20 piloti che transiteranno al checkpoint Stadio, quello di inizio giro per capirci.

Al termine dell’ottava tornata resteranno in gara i primi 10 piloti che abbiano un distacco dal primo non superiore a 30 minuti. Da quel momento si aprirà un nuovo livello di difficoltà con l’accesso ad una nuova parte del percorso caratterizzata da ostacoli artificiali. Dopo ulteriori due passaggi sarà incoronato vincitore chi per primo raggiungerà la sommità di Hell’s Peak, l’impossibile salita finale.

A contendersi Hell’s Gate 2016 saranno i soliti noti, a partire dall’imbattibile coppia britannica: Jonny Walker e Graham Jarvis. Walker nel 2015 ha trionfato per la prima volta e, visto il ruolino di marcia che ha tenuto per tutto il 2015, non sarà facile per Jarvis riprendersi quel trofeo che è stato suo per quattro anni consecutivi.

Guai dare per finiti gli altri, perchè Alfredo Gomez e Mario Roman non vengono certo in Toscana per fare da scudieri. Anche per loro l’obiettivo minimo è il podio, staremo a vedere se riusciranno a inserirsi nella lotta per la vittoria. I due spagnoli sono reduci da una Hell’s Gate 2015 terminata ben diversamente: Roman ha concluso secondo alla sua prima partecipazione, Gomez è stato costretto al ritiro quando si trovava al comando.

Non dimentichiamoci nemmeno tutti gli altri. Tra i nostri ci sarà Diego Nicoletti a tenere alto l’onore dei piloti di casa; il vicentino dovrà vedersela con giganti del calibro di Andreas Lettenbichler, Lars Enockl, i fratelli Ben e Dan Hemingway, più qualche outsider che sicuramente salterà fuori.

L’appuntamento è per sabato 6 febbraio alle 7 in punto del mattino nella tenuta de Il Ciocco, a Barga, provincia di Lucca. La nuova generazione di Hell’s Gate è quasi pronta.

Commenti

commenti