CASEY STONER HA FIRMATO CON LA DUCATI. DAL 2016 COLLAUDATORE E WILD CARD.

IMG_5725

CASEY STONER TORNA IN DUCATI. DAL 2016 SARA’ NUOVO COLLAUDATORE MOTOGP, CON OPZIONE PER WILD CARD.

Casey Stoner sarà il nuovo collaudatore della Ducati. Il pilota australiano lascia la Honda per tornare a Borgo Panigale nelle vesti di collaudatore della Desmosedici.

La notizia-bomba arriva direttamente dal Paddock di Valencia, dove si stanno svolgendo i Test MotoGP 2016, ed è stata confermata dai giornalisti Tammy Gorali e David Emmett.

Casey Stoner sarà collaudatore con opzione per Wild Card, esaudendo il desiderio che Honda non gli aveva permesso di realizzare, ovvero lavorare come Collaudatore allo Sviluppo della moto e avere a disposizione una moto per correre, se possibile, il singolo Gran Premio.

Decisiva nella scelta di Stoner la situazione che si è creata a inizio Mondiale quando HRC non ha assecondato la richiesta dell’australiano di poter sostituire Daniel Pedrosa nel GP di Austin.

Casey Stoner ha un contratto HRC che scadrà il 31 Dicembre 2015 e prima di quel giorno non potrà prendere parte a Test con la Ducati.

Paolo Ciabatti non ha potuto ufficializzare la notizia dal Paddock di Valencia, ma ha comunicato l’interesse della Casa bolognese nei confronti di Casey quando il contratto terminerà (31/12), confermando l’indiscrezione raccolta dai giornalisti Gorali e Emmett e dicendosi entusiasta dell’idea di poter tornare a lavorare con Stoner.

In realtà Ducati non vuole pagare la penale alla Honda per la risoluzione di un contratto che scadrà tra meno di due mesi e che sarebbe inutile visto il coprifuoco sui Test. Le fonti di Speedweek, i primi a dare la notizia, danno tutto per fatto e definito.

AGGIORNAMENTO 23/11/2015: DUCATI E CASEY STONER HANNO CONFERMATO. TUTTO UFFICIALE.

Ecco a Valencia mentre comunica ai giornalisti la situazione:

Nel 2012 si era ritirato dal Motomondiale all’età di 27 anni per incompatibilità con un ambiente secondo lui troppo poco sportivo e condizionato da politica e interessi economici che scavalcavano lo Sport.

Commenti

commenti