Dani Pedrosa batte tutti e vince il Gran Premio del Giappone. Ordine Arrivo Gara MotoGP e Classifica.

daniel-pedrosa-vittoria-gp-giappone-motegi-2015

PEDROSA VINCE IL GRAN PREMIO DEL GIAPPONE. PREZIOSO SECONDO POSTO PER ROSSI, LORENZO CEDE NEL FINALE ED È TERZO. ORDINE ARRIVO GARA MOTOGP MOTEGI E CLASSIFICA CAMPIONATO.

Daniel Pedrosa vince la sua prima gara dell’anno, in un Gran Premio nuovamente segnato dalla pioggia, l’ennesima gara bagnata di questo combattuto finale di Stagione. Il pilota della Honda regala una grande gioia ad HRC nel Circuito di casa, il Twin Ring Motegi. L’ultimo successo Honda era datato 2012 e portava proprio la firma di Dani.

Ma quello di oggi è stato un Gran Premio importantissimo in ottica Mondiale: Valentino Rossi taglia il traguardo al secondo posto dopo aver visto il vantaggio in Classifica ridursi virtualmente fino a soli cinque punti. Il nove volte iridato approfitta di un errore di Jorge Lorenzo nel finale, probabilmente in calo fisico a causa dell’infortunio subito dallo spagnolo in settimana (spalla lussata), ma soprattutto reo di una meno precisa gestione delle gomme quando la pioggia ha cessato, e può così affrontare le ultime tre gare del Campionato con ben 18 punti di vantaggio.

Lorenzo ha fatto una ottima gara, dominata per 2/3, per poi subire lo straordinario recupero di Daniel Pedrosa che, dopo essersi liberato di Andrea Dovizioso, ha divorato l’asfalto metro dopo metro agguantando prima Rossi e, successivamente, l’autore della Pole Position di ieri, ottenendo la prima vittoria in questo 2015 dopo l’entusiasmante secondo posto di Aragon. Lorenzo conclude terzo, dà l’idea di aver sprecato un’altra occasione e di aver regalato altri punti decisivi in ottica iridata.

L’altro acciaccato di giornata era Marc Marquez: il Campione in carica, ancora fresco di operazione alla mano, non è mai stato in lizza per il Podio e ha concluso quarto a ben 27 secondi di ritardo. Quinta posizione per Andrea Dovizioso su Ducati nonostante un inizio di gara incoraggiante che aveva fatto pensare ad un possibile Podio qui in Giappone.

Il rider di Forlì arriva al traguardo con una manciata di secondi di vantaggio nei confronti di Crutchlow e Smith, mentre la wild card Nakasuga è ottavo davanti a Barbera e Redding. Undicesimo Aleix Espargaro con la Suzuki, tenace ma troppo impreciso. Non riescono a prendere punti le due Aprilia RS-GP di Bautista e Bradl, ritirate le Ducati di Iannone e Petrucci.

In virtù dei risultati di oggi Valentino Rossi si porta a 283 punti nella Classifica Piloti del Mondiale MotoGP, precedendo Jorge Lorenzo, ora a quota 265. Il Campione uscente Marc Marquez (197) rafforza il terzo posto su Andrea Iannone (174), mentre il vincitore di oggi, Daniel Pedrosa, è quinto con 154 punti.

Nel Mondiale Costruttori Yamaha vola a 342 punti contro i 285 di Honda e i 221 della Ducati. A Phillip Island, a meno di cataclismi, la Casa di Iwata vincerà il Mondiale.

La prossima gara del Mondiale MotoGP si correrà tra una settimana in Australia sul leggendario Circuito di Phillip Island. Gli ultimi due round, invece, si disputeranno in Malesia a Sepang e a Valencia, per il tradizionale atto conclusivo in Spagna.

Ordine Arrivo Gara MotoGP Motegi, Gran Premio Giappone 2015.

1 25 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team HONDA 46’50.767 147.5
2 20 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP YAMAHA 46’59.340 147.1 8.573
3 16 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP YAMAHA 47’02.894 146.9 12.127
4 13 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team HONDA 47’18.608 146.1 27.841
5 11 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team DUCATI 47’25.852 145.7 35.085
6 10 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda HONDA 47’28.030 145.6 37.263
7 9 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 YAMAHA 47’28.434 145.6 37.667
8 8 21 Katsuyuki NAKASUGA JPN Yamaha Factory Racing Team YAMAHA 47’35.421 145.2 44.654
9 7 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing DUCATI 47’39.339 145.0 48.572
10 6 45 Scott REDDING GBR EG 0,0 Marc VDS HONDA 47’40.888 144.9 50.121
11 5 41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR SUZUKI 47’51.302 144.4 1’00.535
12 4 72 Takumi TAKAHASHI JPN Team HRC with Nissin HONDA 47’51.978 144.4 1’01.211
13 3 69 Nicky HAYDEN USA Aspar MotoGP Team HONDA 48’02.028 143.9 1’11.261
14 2 68 Yonny HERNANDEZ COL Octo Pramac Racing DUCATI 48’04.663 143.7 1’13.896
15 1 63 Mike DI MEGLIO FRA Avintia Racing DUCATI 48’06.188 143.7 1’15.421
16 19 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini APRILIA 48’11.274 143.4 1’20.507
17 50 Eugene LAVERTY IRL Aspar MotoGP Team HONDA 48’21.991 142.9 1’31.224
18 6 Stefan BRADL GER Aprilia Racing Team Gresini APRILIA 48’37.600 142.1 1’46.833
19 64 Kousuke AKIYOSHI JPN AB Motoracing HONDA 48’50.839 141.5 2’00.072
20 24 Toni ELIAS SPA Forward Racing YAMAHA FORWARD 47’36.873 139.1 1 lap

Moto2, settima vittoria per il Campione del Mondo Johann Zarco.

Il francese Johann Zarco festeggia la conquista del titolo iridato Moto2 con la settima vittoria stagionale.

Il backflip più bello di tutta la stagione, direttamente dal serbatoio della sua Kalex! Il neo-Campione del Mondo Johann Zarco (Ajo Motorsport) festeggia nella maniera ideale, con una vittoria meritata, la conquista del titolo iridato 2015 della classe intermedia Moto2™ consegnatogli da Tito Rabat (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS) assente per infortunio in Giappone.

Sul Twin Ring di Motegi, al terzo dei 15 giri previsti (in virtù delle condizioni meteo di quest’oggi) il pilota di Cannes passa senza appello il fuggitivo Jonas Folger (AGR Team) incrementando il suo vantaggio giro dopo giro. Terzo posto per Sandro Cortese (Dynavolt Intact GP), che torna sul podio dopo Brno 2014.

Al penultimo giro, l’italo-tedesco riesce a spodestare il malese Azlan Shah (IDEMITSU Honda Team Asia), per la prima volta al traguardo nella Top 10. Sorte avversa per il suo compagno di squadra Takaaki Nakagami, scivolato quando occupava la terza posizione provvisoria.

La Malesia dentro la Top Five grazie alla quinta posizione di Hafizh Syahrin (Petronas Raceline Malaysia) e Ricky Cardus (JPMoto Malaysia). Settimo il primo degli italiani, Simone Corsi (Forward Racing), autore di una bella rimonta e di accesi duelli nel corso di questa gara-sprint. Il romano ha preceduto la Speed Up di Sam Lowes.

Marcel Schrotter (Tech 3) e Randy Krummenacher (JiR Racing Team) chiudono la Top 10, dalla quale rimangono esclusi Alex Rins (Paginas Amarillas Hp 40) e Lorenzo Baldassarri. Il rookie spagnolo, in lotta per il podio a metà gara, arriva lungo alla Curva 1 perdendo inesorabilmente posizioni; peggio va all’altro esordiente Alex Marquez che prende un’imbarcata alla Curva 4 e chiude fuori dalla zona-punti.

Moto3, Antonelli vince il Gran Premio del Giappone.

Cavalcata trionfale di Niccolò Antonelli (Ongetta-Rivacold) nel Gran Premio del Giappone, Classe Moto3. Nei 13 giri previsti in virtù del ritardo causato dalle cattive condizioni meteo, sul Twin Ring di Motegi in il 19enne di Cattolica conquista la seconda vittoria della sua carriera, grazie alla quale sale sul podio per la quarta occasione negli ultimi 5 round.

Una gara perfetta quella di Antonelli: sempre in testa dal primo all’ultimo giro, il centauro italiano ha spinto fortissimo nelle fasi iniziali amministrando poi il vantaggio dal recupero di Miguel Oliveira (Red Bull KTM Ajo). Terzo gradino del podio per il rookie Jorge Navarro (Estrella Galicia 0,0) che ha approfittato della scivolata di Isaac Viñales (RBA Racing).

Lo spagnolo ha chiudso in quarta posizione davanti a Khairuddin (Drive M7 SIC) e alla coppia dei rivali per il titolo: Danny Kent (Leopard Racing), dopo un inizio da dimenticare, si è reso autore di un’importante rimonta che gli ha consentito, proprio nell’ultima tornata, a passare Enea Bastianini (Gresini Racing Moto3).

Karel Hanika (Red Bull KTM Ajo), John Mc Phee (SAXOPRINT RTG) e Efren Vazquez (Leopard Racing) hanno chiuso nella Top 10 dalla quale rimane esclusa la Mahindra di Jorge Martin, che aveva invece dominato nel Warm Up. Scivolate per Livio Loi e Hiroki Ono quando occupavano le prime posizioni.

Gara da dimenticare per il poleman Romano Fenati (Sky Racing VR46): dopo una difficile partenza che l’aveva relegato in decima posizione alla fine del primo giro, alla terza tornata l’ascolano ha perso l’anteriore alla Curva 3, vedendosi costretto a riaccodarsi in fondo al gruppo. Chiude penultimo davanti Ana Carrasco.

Commenti

commenti