Ducati sulla via di Motegi, pista dove i due Andrea hanno già vinto.

dovizioso-ducati-motogp-indy-2015

Ducati a Motegi per il Gran Premio del Giappone. Quattro vittorie in MotoGP per la Rossa di Borgo Panigale e vittorie per entrambi gli attuali piloti ufficiali Iannone e Dovizioso.

Domenica il Ducati Team affronterà il Gran Premio del Giappone, quartultimo appuntamento del Campionato Mondiale MotoGP 2015 e prima tappa dell’impegnativa serie di tre gare extra-europee consecutive di fine stagione, che proseguirà nei weekend successivi con altri due round in Australia e in Malesia.

Il circuito di Twin Ring Motegi ha una configurazione molto particolare, con una serie di lunghi rettilinei seguiti da curve strette che mettono a dura prova i freni delle moto e le loro prestazioni in accelerazione.

Nel passato Motegi si è rivelata una pista amica per Ducati, che ha ottenuto ottimi risultati su questo circuito.

Da ricordare in particolare le quattro vittorie ottenute grazie a Loris Capirossi e a Casey Stoner, che proprio a Motegi ha conquistato il suo primo titolo mondiale con la Ducati nel 2007.

Ad Andrea Dovizioso il circuito giapponese piace molto, ed è salito sul podio in tutte e tre le categorie, vincendo la gara 125 nel 2004, e ottenendo due delle sue tre pole position in carriera sul tracciato giapponese, inclusa quella dello scorso anno in sella alla sua Desmosedici GP14, con cui ha poi terminato la gara al quinto posto.

“Motegi è una delle mie piste preferite perché si frena molto, e quest’anno spero di riuscire ad essere veloce con la mia GP15, anche se nell’ultima gara di Aragón non ho avuto un gran feeling con la moto. Cercheremo di modificare il set-up per migliorare la stabilità in frenata, ma in ogni caso vado fiducioso a Motegi perché ho quasi sempre ottenuto dei buoni risultati in MotoGP, conquistando due volte la pole position, sia nel 2010 che lo scorso anno”, ha detto il pilota nativo di Forlimpopoli.

Anche Andrea Iannone ha già vinto in Giappone, sia la gara 125 nel 2009 che quella della Moto2 nel 2011, e lo scorso anno è riuscito a portare a casa un sesto posto con la GP14 del Pramac Racing Team.

“Ho dei buoni ricordi del circuito di Motegi, perché ho vinto una gara della 125 molto strana nel 2009 e una in Moto2 nel 2011. A mio avviso è una pista bellissima, anche se l’anno scorso in MotoGP la gara è stata un po’ difficile per me”, confessa Iannone.

“Quest’anno con la Desmosedici GP15 spero di migliorare decisamente la mia prestazione, sempre che la spalla sinistra non mi dia troppo fastidio in frenata!“.

Commenti

commenti