C’è stato un tempo in cui Suzuki dominava a Motegi.

KENNY-ROBERTS-SUZUKI-2000-500-GP

Suzuki e Motegi: un Circuito che evoca ricordi straordinari. Qui i giapponesi vinsero l’ultimo Titolo e una delle ultime gare nel Motomondiale. Una Storia che termina con Kenny Roberts Jr. e rivive con i lampi di Gibernau e Vermeulen.

Il Twin Ring Motegi è uno dei Circuiti più giovani del Giappone. Costruito nel 1997, dal 1999 ha ospitato il Motomondiale e dal 2000 al 2003 la prova nipponica è stata considerata come Gran Premio del Pacifico a causa della presenza di Suzuka, storica sede del Gran Premio del Giappone.

Dopo l’incidente costato la vita al giovane Kato e l’esclusione di Suzuka dal Calendario, il Twin Ring Motegi è diventato definitivamente il nuovo Gran Premio del Giappone.

Se si pensa ad un pilota capace di dominare questo GP i tifosi italiani ricordano subito Loris Capirossi, vincitore tre volte consecutivamente con la Ducati tra il 2005 e il 2007. Tre vittorie che fanno dell’ex pilota romagnolo il più vincente di Motegi in compagnia di Jorge Lorenzo (2009, 2013 e 2014).

Al Twin Ring trovarono gloria anche Casey Stoner con la Ducati (2010) e i due italiani Max Biaggi e Valentino Rossi, entrambi con una vittoria rispettivamente nel 2003 e nel 2008, senza dimenticarci della doppietta di Daniel Pedrosa su Honda nel biennio 2011-2012.

Eppure la genesi di Motegi ha un chiaro dominatore, anche se probabilmente è uno dei Campioni del Mondo meno ricordati dell’epoca moderna al di fuori della cerchia di appassionati.

Kenny Roberts Jr. Sì, lo Statunitense figlio d’arte e la iconica Suzuki vinsero le prime due Edizioni del Gran Premio di Motegi all’epoca della 500GP.

Nel 1999 il Titolo venne vinto dallo spagnolo Álex Crivillé su Honda ma è proprio qui che Kenny vinse una delle quattro gare stagionali, precedendo sul traguardo Mick Doohan (che si sarebbe ritirato due GP più tardi) e Norifumi Abe.

Il 2000 fu l’anno della Suzuki con livrea Telefonica Movistar: Roberts Jr. si laureò Campione del Mondo e vinse il penultimo round, ora valevole come GP Pacifico, battendo Valentino Rossi e Max Biaggi.

500-gp-suzuki-roberts-campione

Non fu una vittoria come le altre, bensì quella decisiva che garantì all’americano la gioia del Mondiale con una gara d’anticipo.

Bei ricordi, insomma. Quest’anno Suzuki è tornata nel Motomondiale con la GSX-RR, prototipo affidato alla coppia spagnola formata da Aleix Espargaro e Maverick Vinales.

Dopo l’introduzione della Classe 4T, ovvero MotoGP, il miglior pazzamento per la casa di Hamamatsu è stato il quinto posto di John Hopkins nel 2005.

Pensate che Suzuki, dopo quella gara corsa a Motegi quindici anni fa, è tornata a vincere nella Classe Regina solamente due volte. Nel 2001 con Sete Gibernau e Valencia e nel 2007 con Chris Vermeulen sotto il diluvio di Le Mans, quest’ultima unica vittoria in MotoGP.

Commenti

commenti