Scoperto il guasto sulla moto di Stoner. HRC si scusa con Casey.

STONER-HONDA-SUZUKA

CONCLUSE LE INDAGINI SULLA MOTO DI STONER DOPO L’INCIDENTE ALLA 8 ORE DI SUZUKA, HRC HA SCOPERTO IL GUASTO: CABLAGGIO DIFETTOSO.

Sarà riprogettato e sostituito. Le scuse di Honda a Casey.

La Honda CBR1000RR Endurance è stata spedita in HRC dopo che un controllo iniziale effettuato dal Team, una volta recuperata la moto a fine gara, aveva evidenziato tramite telemetria il bloccaggio dell’acceleratore ad un’apertura di 26°, confermando che il brutto incidente di Casey Stoner era stato causato da un’anomalia, da un guasto meccanico o elettronico.

Due giorni più tardi arriva il verdetto da HRC, il Reparto corse della Casa di Tokyo. Honda conferma il guasto tecnico e annuncia di averlo identificato in un cablaggio difettoso.

In particolare, il difetto è stato riscontrato nell’apparato dell’acceleratore, che è stato completamente smontato in ogni sua parte.

Honda ha voluto chiarire che si tratta di un componente realizzato appositamente per la moto in versione Endurance (per tranquillizzare i clienti della CBR stradale ed evitare un enorme danno d’immagine) e che HRC è al lavoro per risolvere il difetto e schierare le moto nelle prossime gare del Mondiale Endurance con un apparato rivisto e riprogettato.

Al termine della nota, HRC ha lasciato un messaggio di scuse e ringraziamenti al pilota, che nell’incidente ha riportato la frattura di tibia e scapola, rischiando conseguenze ancor più gravi per la tipologia di incidente e per il punto della pista in cui è avvenuto lo schianto.

HRC vuole scusarsi con Casey Stoner e lo ringrazia per gli sforzi profusi nella partecipazione all’evento della 8 Ore di Suzuka.

Commenti

commenti