Incidente Stoner, telemetria Honda conferma il guasto: acceleratore bloccato!

stoner-suzuka-incidente

ACCELERATORE BLOCCATO, APERTO A 26° SULLA HONDA DI CASEY STONER. IL TEAM RIVELA I DATI DELLA TELEMETRIA E CONFERMA IL GUASTO TECNICO CHE HA CAUSATO IL TERRIBILE INCIDENTE OGGI ALLA 8 ORE DI SUZUKA.

C’è la conferma tecnica: l’acceleratore della Honda CBR di Casey Stoner è rimasto aperto di 26 gradi.

La squadra di Tokyo, dopo aver scaricato i dati della telemetria, ha confermato il guasto tecnico che ha causato il violento incidente avvenuto oggi nelle prime fasi della 8 Ore di Suzuka dal quale, fortunatamente, il pilota è uscito “solo” con un paio di fratture (tibia e scapola).

Sarebbe potuta andare peggio. Il due volte Campione MotoGP, dopo aver ripreso in mano la frizione per togliere accelerazione alla moto, si è gettato in via di fuga per evitare il muro presente all’esterno della curva Hairpin.

Nel 2003, sempre a Suzuka, questa volta in occasione del GP Giappone MotoGP, un incidente mai chiarito era costato la vita al giovane giapponese Kato, finendo a 200 km/h contro il muro della curva 130R.

Piloti e addetti ai lavori misero sotto accusa il “ride by wire” Honda, in quei mesi in fase prototipale su alcuni esemplari della RC211V. Alla fine a farne le spese fu Suzuka: chiusa per mesi e messa definitivamente fuori dal Calendario MotoGP.

Il Team Honda, oggi, ha ammesso il guasto tecnico, che pareva evidente già dal Video dell’incidente di Stoner. Moto imbarcata che non carica sull’anteriore nonostante Casey fosse attaccato ai freni, motore che va a limitatore (e ci resta fino a quando non si distrugge) e pilota che si aggrappa alla frizione.

Questa la nota diffusa da Honda:

Insieme con il personale HRC, la squadra la ha controllato e i dati hanno confermato che l’acceleratore era rimasto aperto di 26 gradi prima dello schianto.

Non è chiaro il motivo per cui questo è successo e ora la moto verrà inviata all’ HRC per un controllo completo. HRC comunicherà i risultati ai media quando ci saranno maggiori notizie.

Commenti

commenti