Alfa Romeo Giulia. Notizie, Foto, Motori, Caratteristiche Tecniche e Informazioni.

CIRqo-2UkAAHkvF

Presentazione LIVE della nuova Alfa Romeo Giulia da Arese. FOTO UFFICIALI NUOVA GIULIA. INFORMAZIONI, CARATTERISTICHE TECNICHE, MOTORI, PREZZO, DATA USCITA.

Tutte le notizie ufficiali, le informazioni e le foto del modello definitivo dalle ore 17.00 di Mercoledì 24 Giugno.

La Giulia in foto è il modello Quadrifoglio Verde con il motore Ferrari 2.9 V6 Biturbo da 510 CV di potenza, assemblato in una tiratura di dieci prototipi pre-serie presso lo Stabilimento di Cassino.

La nuova Giulia ha una pinna GPS molto simile a quella dei modelli BMW tra il tetto e il lunotto posteriore, quattro scarichi disposti a coppie ai due lati, il cofano motore con prese d’aria a vista, tagli laterali sui pannelli laterali dell’avantreno per lo sfogo dell’aria calda e un piccolo spoiler aerodinamico sulla coda posteriore.

Il frontale è completamente rivisto, pur mantenendo il layout stilistico Alfa Romeo, con una nuova fanaliera a led allungata e vistose prese d’aria nella parte inferiore del paraurti che hanno il compito di far respirare e raffreddare il cofano sotto al quale è stato installato il motore V6 2.9 Biturbo di derivazione Ferrari da oltre 500 CV di potenza.

Sul muso e sulla coda della vettura compare il nuovo logo Alfa Romeo, versione semplificata e più moderna fedele alle origini.

Gli interni sono molto minimalisti e fondono linee essenziali ed elementi nobili, con largo utilizzo della Fibra di carbonio nella versione Quadrifoglio Verde da oltre 500 CV. Va detto che in questo momento l’interno della Nuova Giulia non è ancora stato svelato ma ci basiamo sui rendering visti On Line e su alcune immagini mostrate durante la presentazione. Probabilmente non sono definitivi.

Il cofano e il tetto della nuova Alfa Romeo Giulia QV sono in fibra di carbonio. La Giulia QV pesa circa 1500 kg.

Questi i motori disponibili: quattro cilindri 2.0 Turbobenzina, quattro cilindri 2.2 Turbodiesel, 3.0 V6 Turbodiesel e 2.9 V6 Biturbo Benzina. Tutti i motori sono interamente in alluminio. Non ci sono ancora notizie o numeri relativi ai motori d’ingresso, ma dovremmo essere sui 180 CV per i benzina e sui 150 CV per i diesel.

Su alcuni motori ci sarà possibilità di disattivare i cilindri, evidentemente le versioni V6. La distribuzione dei pesi sarà al 50:50, mentre la sospensione anteriore è del tipo a quadrilatero. Al posteriore ci sarà invece un sistema Alfalink sviluppato da FCA e Alfa Romeo.

Il telaio è basato sulla Piattaforma Giorgio, un nuovo pianale che debutta sulla Giulia e che sarà utilizzato per le nuove Alfa Romeo con motore anteriore e trazione posteriore.

Tutte le versioni di Alfa Romeo Giulia nascono a trazione posteriore, con la possibilità di scegliere la trazione integrale su alcuni modelli. In ogni caso il layout meccanico è quello di una berlina con motore anteriore e trazione posteriore.

Alfa Romeo Giulia propone il rinnovato selettore Alfa DNA che modifica il comportamento dinamico del veicolo in base alle scelte del guidatore: Dynamic, Natural, Advanced Efficient (modalità di risparmio energetico che per la prima volta viene introdotta su un’Alfa Romeo) e ovviamente Racing (sulle versioni ad alte prestazioni)

La Giulia QV scatta da 0 a 100 km/h in soli 3.9 secondi e avrà un rapporto peso/potenza di 2,99 KG/CV.

Per raggiungere un eccezionale rapporto peso/potenza, inferiore a 3, la nuova Giulia coniuga le straordinarie prestazioni del motore con l’ampio impiego di materiali ultraleggeri per tutte le parti del veicolo.

giulia-dark-

Ad esempio, la fibra di carbonio per l’albero di trasmissione, il cofano e il tetto o l’alluminio per motore,  freni, sospensioni  (inclusi duomi anteriori  e telai anteriori e posteriori) e molti componenti di carrozzeria quali porte e parafanghi. Inoltre, la traversa posteriore è realizzata con composito di alluminio e materiale plastico.

Al fine di ridurre la massa totale, si è intervenuto anche sul  sistema frenante, con elementi di alluminio e dischi carbo-ceramici, e sui sedili, caratterizzati da una struttura in fibra di carbonio.

Nonostante l’ottimizzazione dei pesi, la vettura vanta la migliore rigidezza torsionale della categoria garantendo così: qualità nel tempo, comfort acustico e handling anche in caso di sollecitazioni estreme.

Per quanto concerne l’impianto frenante, quindi, ci sarà la possibilità di scegliere un sistema carboceramico ad altissime prestazioni.

La nuova Alfa Romeo Giulia sarà in vendita a partire dall’inizio del 2016. Nei prossimi tre anni, da qui al 2018, sono attesi altre 7 modelli con l’obiettivo di portare le attuali 80.000 unità vendute annualmente a quota 400.000.

L’obiettivo è quello di riportare Alfa Romeo in alto e le nuove Alfa Romeo rappresenteranno un Brand premium. Sergio Marchionne, dal palco, ha criticato quello che è stata Alfa Romeo negli ultimi decenni. Ora è tempo di rilancio e rinascita e di alzare l’asticella della qualità, delle prestazioni e, inevitabilmente, anche del prezzo, discorso che non è ancora stato affrontato.

Tuttavia è facile immaginare un prezzo di 70/80 mila euro per la Giulia QV 510, pienamente giustificato dalla tecnologia e dai materiali utilizzati, mentre la base di partenza della gamma d’accesso dovrebbe essere superiore ai 30 mila euro. Il terreno di caccia è quello delle tedesche, dominatrici del segmento medio/alto.

Per vedere da vicino la nuova Giulia QV ci saranno due appuntamenti: EXPO e il Salone di Francoforte a Settembre, dove sarà svelata anche la Giulia in allestimento standard.

Ecco le FOTO UFFICIALI della nuova ALFA ROMEO GIULIA.

CIRqo-2UkAAHkvF CIRqo1xVEAAeCr2 CIRqo-0UMAAMQ1r

freni-carboceramici-alfaromeo-giulia

Commenti

commenti