Yamaha con tre piloti MotoGP per vincere la 8 Ore di Suzuka.

yamaha-r1m-sbk-2015

Yamaha all’attacco della 8 Ore di Suzuka 2015 con una squadra da MotoGP.

Il Team ufficiale giapponese proverà a vincere la seconda prova del Campionato mondiale endurance di motociclismo, la più attesa, sentita e ambita, schierando un plotone di piloti di assoluto livello.

La Factory di Iwata ha affidato la nuova Yamaha R1M Endurance a Katsuyuki Nakasuga, Pol Espargaro e Bradley Smith.

Il primo è il collaudatore nipponico d’eccellenza, impegnato nella Superbike giapponese e schierato nel GP Giappone come Wild Card MotoGP e in altri casi come pilota sostitutivo.

Nakasuga, Classe 1981, può vantare un Podio in MotoGP nel 2012, quando terminò al secondo posto il rocambolesco GP Valencia, ultima prova del Motomondiale.

Pol Espargaro e Bradley Smith sono i volti giovani del Team Yamaha Tech3, squadra satellite di Yamaha nella Classe Regina.

Pol, fratello minore dell’ufficiale Suzuki Aleix, è spagnolo, ha 24 anni e nel 2013 si è laureato Campione del Mondo Moto2.

Nel 2014 ha debuttato in MotoGP terminando al 6° posto in Classifica generale nella stagione da Rookie.

Bradley Smith, britannico che a novembre compirà 25 anni, è arrivato in MotoGP nel 2013 e da allora ha sempre corso con il team Yamaha Tech3. Per lui tre vittorie nel Motomondiale, tutte nella vecchia Classe 125.

L’obiettivo con il quale Yamaha partecipa alla 8 Ore di Suzuka 2015 è quello di dimostrare la validità del nuovo progetto Yamaha R1 ma, allo stesso tempo, la Casa di Iwata vuole acquisire know-how tecnologico per perfezionare la nuova Superbike che dovrebbe debuttare tra un anno nel Mondiale SBK.

L’ultima vittoria risale alla 8 Ore di Suzuka del 1996. Nakasuga, Espargaro e Smith avranno il compito di provare a riportare Yamaha davanti a tutti dopo 20 edizioni. Gli ultimi a riuscirci furono Colin Edwards e Nori Haga in sella alla Yamaha YZF750.

La 8 Ore di Suzuka è in programma in Giappone dal 23 al 26 luglio 2015.

Commenti

commenti