Crutchlow: ho fatto 4.500 km in bici. Consiglio a Miller? Cambiare parrucchiere.

crutchlow honda motogp 2015

Cal Crutchlow è pronto ad una nuova avventura in sella alla Honda RC213V del team CWM LCR.

Il pilota britannico racconta come ha trascorso l’inverno e la sensazioni che lo stanno portando al primo Test MotoGP del 2015 in quel di Sepang, tradizionale banco di prova invernale per Team e Piloti della Classe Regina del Motomondiale.

Il pilota inglese ha parlato con motogp.com delle attività svolte negli ultimi tre mesi.

Subito dopo l’ultimo test dello scorso novembre mi sono sottomesso a un intervento per estrarre una placca dalla clavicola. Mi stava creando problemi e dovevo risolverli. Accuso ancora qualche dolore, ma andrà via. Sto cercando di recuperare la forza nel braccio nella preparazione della stagione.

Sull’allenamento in preparazione alla Stagione e le vacanze invernali.

Come sempre, Lucy ed io siamo andati negli Stati Uniti per trascorrere l’inverno. Ho praticato soprattutto ciclismo e, siccome non riesco a stare senza moto, ho fatto anche del motocross. Sicuramente al primo test non sarò forse il pilota più veloce, ma in bici ho coperto qualcosa come 4.500 km: credo sia il metodo di allenamento più efficace, con cui posso anche perdere peso senza rischiare nulla.

Sulle aspettative del primo Test MotoGP Sepang, in programma il 4 Febbraio in Malesia.

Vivo sempre il primo test come un esercizio per prendere familiarità. Quando poi vai forte, allora puoi iniziare a dare indicazioni utili al team, ma preferisco procedere per gradi nei tre giorni ed esser veramente veloce alla fine. Ti devi riabituare ad andare a 300 km/h.

Sulla moto, la Honda RC213V, nuova esperienza dopo aver corso con Yamaha e Ducati.

Sono certo che la nostra moto sarà all’altezza di quelle ufficiali, come quando correvo per Tech3. Ho molta curiosità su quello che ci fornirà la Honda, che ogni volta realizza una moto fantastica e competitiva.

Sul discusso compagno di squadra Jack Miller, passato dalla Moto3 alla MotoGP.

Jack ha un gran talento e un gran passo, il suo valore si vedrà nei prossimi due anni in MotoGP. Non sarò certo io a dargli dei consigli, credo sia in grado di cavarsela da solo. Conosciamo le sue capacità e credo che ci sarà una bella atmosfera con noi due nel box. Inizierò a pensare già a un paio di scherzi da fargli ma, come prima cosa, deve smetterla con quel taglio di capelli!

Commenti

commenti