MotoGP, Phillip Island FP2: Lorenzo il più veloce, Marquez a terra

LORENZO PHILLIP ISLAND

LORENZO PHILLIP ISLAND

Jorge Lorenzo è il più veloce al termine del venerdì di Phillip Island: il pilota della Yamaha precede tutti al termine delle due Sessioni di Libere, mentre le Honda pagano due battute d’arresto con entrambi i piloti HRC.

Marc Marquez è protagonista di una caduta all’ultima curva di Lukey Height, danneggiando la sua RC213V dopo un principio di highside ma uscendo fortunatamente illeso dal crash. Sessione finita in anticipo anche per Daniel Pedrosa, in questo caso per un problema di natura tecnica: uno dei perni che tiene agganciato il quattro cilindri a V si allenta dal telaio.

Alle spalle della Yamaha Campione del Mondo, che chiude in 1’28.961, c’è un sorprendente Alvaro Bautista: l’alfiere del Team Gresini paga 477 millesimi di gap e precede proprio Daniel Pedrosa (+0.517) e Valentino Rossi (+0.576). Marquez, che riesce a tornare in pista dopo il botto, è 6° dietro a Cal Crutchlow.

Male le Ducati con Nicky Hayden 9° ad oltre un secondo e 6 decimi, ancora peggio Andrea Dovizioso a +1.793. Davanti alle due GP13 Ufficiali c’è spazio per Bradley Smith e per la ART Aspar di Randy De Puniet.

Tra le due Ducati Pramac di Iannone ed Hernandez, rispettivamente in 11° e 14° posizione, arrivano le CRT di Edwards e Aleix Espargarò, con Stefan Bradl costretto a sventolare bandiera pianga: il pilota LCR Honda ha provato il recupero dopo l’infortunio di Sepang e l’operazione-lampo alla caviglia, ma il dolore patito nelle FP1 ha convinto il tedesco di rimandare il rientro al Giappone, settimana prossima.

Questi i risultati completi: MotoGP Phillip Island 2013, FP2.

Commenti

commenti