Supermoto, il ritorno di Bernd Hiemer: “Asphalt Surfer” si racconta a IFG

Bernd Hiemer Freiburg 2012_1

Bernd Hiemer si appresta a tornare nel 2013 in Supermoto, e questo ormai si sa. La notizia è che con l’annuncio della gomma libera nel Mondiale, a partire dalla prossima stagione, il tedesco potrebbe affrettare i tempi e buttarsi già da subito nel campionato iridato.

Bernd si era imbarcato nel 2011 per una nuova avventura “carenata” nel Campionato Spagnolo Moto2, ma i problemi del team MZ hanno costretto il tedesco a cercare altre soluzioni.
Infine, durante la scorsa estate, la decisione di tornare a correre in Supermoto.
Il bicampione del mondo è ora in forze al team Bauershmidt KTM, con cui ha già corso in ottobre a Friburgo e con cui sta effettuando vari test in preparazione del 2013 dimostrando di non essere affatto arrugginito, anche se per tornare a competere al top c’è ancora da lavorare molto.
Certo è che il ritorno in griglia dell’ “Asphalt Surfer” sarà uno degli eventi più attesi per la prossima stagione.

Ed il tedesco ha deciso di raccontarsi ai lettori di “IN FULL GEAR” in un’intervista.

 © Racing-Pixx/Markus Niegtsch

 

Com’è stata l’esperienza con la Moto2 nel Campionato Spagnolo? Pensi ti sia servito per migliorare la tua tecnica di guida su asfalto?
“In Spagna ho avuto una bellissima esperienza, è stata dura: sono partito nel 2011 da amatore con esperienza zero, è stata la mia prima volta su una moto sportiva da competizione, è completamente diverso dalla supermoto.

Penso di aver migliorato un po’la fisica della guida ma ora devo fare moltissimi km sulle supermoto da gara per riacquistare la velocità che avevo qualche anno fa.”

Sei tornato in sella il mese scorso durante la tappa di Friburgo del Campionato Tedesco, e recentemente a Castelletto per i test con il team, com’è stato il feeling con la moto, con le gare e con il pubblico?
“Con i fans è stato stupendo, è bello essere tornato! La moto con cui ho corso era praticamente di serie, è stata sviluppata da Bauershmidt ma c’è stato pochissimo tempo per prepararla prima della gara e non abbiamo avuto modo di effettuare dei test. In gara ho fatto 3° e 8° che sicuramente non è quello che mi aspettavo ma è stato comunque un ottimo test per noi.”

Come mai hai deciso di tornare in Supermoto?
“Il mio obiettivo iniziale era di correre nel Campionato Mondiale Moto2 ma quando il team tedesco MZ ha iniziato ad avere problemi finanziari ho provato a  contattare altri team: per poter correre avevo bisogno di 500.000€ di sponsorizzazione, soldi che purtroppo non ho e che per me sono molto difficili da recuperare.”

Correrai con una moto Factory? Il team Bauershmidt sarà supportato ufficialmente?
“No, non siamo supportati da KTM: Bauershmidt è un grosso rivenditore in Germania e dal 2003 allestisce un team, senza il loro aiuto sarebbe impossibile.
Da KTM ottengo alcuni sconti speciali, inoltre conosco molte persone quindi riesco ad ottenere molte informazioni utili, ma questo è quanto.”

In questi due anni sono cambiate molte cose, tra cui l’ultima novità è la gomma libera, tu cosa ne pensi? Che gomme monterete?
“Sono contento che abbiano rimesso la gomma libera ma spero continuino con i bollini per mantenere davvero bassi i costi, 6 bollini dovrebbero essere abbastanza!
Inizialmente i nostri piani (i miei e quelli di Motorrad Bauerschmidt) erano per 2 anni: nel 2013 avremmo corso il Campionato Tedesco e nel 2014 il Mondiale, ma l’introduzione della gomma libera ci offre un’ottima occasione per tornare nel Mondiale già nel 2013, sarebbe il momento migliore perchè l’anno prossimo le gomme saranno nuove per tutti e per me sarebbe un po’meglio.
Ma è ancora presto per dirlo, abbiamo ancora un sacco di lavoro e dobbiamo provare molto.
Per quanto riguarda il gommista, Bauershmidt è da anni partner con Metzeler quindi anche nel Mondiale porteremo avanti la partnership con loro.”

Il Mondiale di oggi è dominato da tre giovani fuoriclasse che conosci già, come pensi di ritrovarti a correre di nuovo con loro? Qual’è il tuo obiettivo, pensi di riuscire a lottare con loro fin dalle prime gare?
“Certo li conosco tutti, sono molto talentuosi, corro con loro da alcuni anni ma dopo questa pausa sarà una sifida combattere con loro per il podio.
Per le prime gare dell’anno sarà difficile ma non impossibile, poi penso che durante l’anno con i miglioramenti del nostro pacchetto (KTM Bauershmidt, Metzeler ed io), sarà sempre più possibile.” 

Commenti

commenti