Ducati – Althea, è divorzio. La Panigale resta senza Team in pieno Sviluppo: chi arriverà?

althea panigale

Sono state ore concitate per il futuro del sodalizio Althea Racing – Ducati. Alla fine la struttura di Genesio Bevilacqua e la Casa di Borgo Panigale divorziano, lasciando un vuoto inedito e surreale a quattro mesi dall’inizio del nuovo Campionato e con una moto, la 1199, tutta da sviluppare.

Il tavolo delle trattative è saltato per motivazioni di natura economica. Come anticipato ieri da Misterhelmet, Althea ha posto un ultimatum dopo che dalle parti di Bologna tardava ad arrivare una risposta alla proposta fatta diversi mesi fa dal Patron e Team Manager della squadra che nel 2011 aveva portato Carlos Checa (uomo-Ducati, e il contratto parla chiaro) a vincere il Titolo SBK, Davide Giugliano (uomo-Althea, e il contratto parla chiaro) a conquistare la 1000 Stock.

La risposta di Ducati non ha convinto affatto e la separazione si è materializzata. Un colpo di scena che ha l’effetto di consegnare il futuro di Carlos Checa nelle mani del Costruttore, mentre tutto il Team (compreso il pilota Giugliano) resta unito e compatto ma senza moto.

I colori della squadra non dovrebbero comunque avere particolari difficoltà a comparire sulle carene di un paio di moto nel 2013 e la priorità resta il Mondiale SBK.

Il dato è che il 27 Ottobre 2012 c’è una moto, la Ducati 1199 Panigale, che si ritrova senza Team: privato o ufficiale che sia. Una situazione che va risolta al più presto per evitare di “bruciare” un prodotto che non dev’essere solo “bello” e “pompato” a livello di Marketing, ma anche vincente.

A prendere le redini potrebbe essere Francis Batta ed il suo Alstare, uscito clamorosamente dal Paddock Superbike lo scorso inverno dopo la fine della storica collaborazione con Suzuki.

Di certo la struttura che affiancherà il rientrante Paolo Ciabatti, nuovo Responsabile Corse, dovrà essere composta da personaggi dal bagaglio tecnico importante: c’è un “secondino” da recuperare ed un enorme pacchetto da sviluppare.

Commenti

commenti