Stoner, Lorenzo, Pedrosa: le dichiarazioni post-gara di Laguna Seca

MotoGP, News
Stoner, Lorenzo, Pedrosa: le dichiarazioni post-gara di Laguna Seca

Consueto appuntamento con il Podio della MotoGP e  le dichiarazioni post-gara dei protagonisti. Oggi abbiamo Casey Stoner (vincitore del GP di Laguna Seca) Jorge Lorenzo ( 2° al traguardo) e Dani Pedrosa (sul gradino più basso del Podio).

Casey Stoner (Honda), 1°:

Dopo gli errori che ho commesso in Germania e al Mugello è chiaro che sono rimasto indietro rispetto agli altri, perdendo tutti i punti che avevo guadagnato ad Assen. L’errore più grosso credo però che sia quello che ho commesso proprio al Mugello, dove ho perso davvero tanti punti. Per questa gara quindi il mio obiettivo era sicuramente la vittoria. “Ho dovuto lottare per tutto il weekend per trovare il grip giusto. Nei primi due giorni Lorenzo e Pedrosa sembravano decisamente più veloci di me, soprattutto con la gomma dura, con la quale non sono mai riuscito a trovare il feeling. Per questo ho deciso di rischiare la gomma morbida, con la quale sapevo che sarei dovuto essere più gentile nei primi giri, ma deco dire che alla fine si è rivelata la scelta azzeccata. Ho atteso nella prima metà di gara per cercare di non degradarla troppo, perchè sapevo che nel finale ne avrei potuto trarre vantaggio e così è stato. Se voglio provare a recuperare su Lorenzo dovrò essere estremamente bravo, perchè il gap è ancora importante. E’ anche vero però che siamo solo a metà stagione e c’è ancora tempo per rifarmi sotto, però è chiaro che sarà difficile perchè non andrà bene come è andata qui in tutte le situazioni

Jorge Lorenzo (Yamaha), 2°:

Io sono contento della moto di cui dispongo quest’anno perchè almeno mi permette di lottare con le Honda ad armi pari e sono motivatissimo. Oggi ci ho provato, ho dato il massimo con la gomma dura fin dal secondo giro, però i fatti hanno ribaltato la teoria perchè la nostra gomma non è migliorata con il passare dei giri, mentre Stoner con quella più morbida è stato invincibile. Ci ho provato, ma alla fine ero troppo stanco e rischiare per vincere questa gara non sarebbe stata una cosa intelligente guardando al campionato. Ero già caduto nel warm up di questa mattina e anche in gara ho avuto un paio di avvisaglie, la più forte al “Cavatappi” quando Casey mi ha recuperato parecchi metri e anche questa situazione probabilmente ha permesso a lui di caricarsi, portandomi anche ad essere un pelino più conservativo

Daniel Pedrosa (Honda), 3°:

Salire sul podio è sempre positivo, ma ogni tanto non sarebbe male riuscire ad invertire l’ordine con Lorenzo e Stoner. Oggi ho provato a dare tutto quello che avevo, ma non è bastato per rimanere con loro. Ero davvero al limiti e mi si è anche chiuso il davanti in diverse occasioni, ma oggi Stoner è andato davvero troppo forte, anche se ancora non mi spiego come abbia fatto a far durare la gomma morbida. Questa è una pista sulla quale Casey va molto forte e probabilmente capisce meglio come sistemare la moto per farla rendere al meglio nel finale. Sia l’anno scorso che quest’anno, infatti, ha costruito le sue vittorie nella parte conclusiva della gara. Semplicemente è andato troppo forte in questi ultimi due anni“.

 

Commenti

commenti

IN FULL GEAR www.infullgear.com è il Blog italiano Indipendente dedicato ai Motori. Ogni giorno notizie, approfondimenti ed opinioni dal Mondo del Motorsport. #IFGJustDrive è lo Speciale curato interamente da IN FULL GEAR e orientato ai Test Drive: Recensioni e Speciali realizzati provando le Novità del Mercato Automobilistico.