Il futuro di Ducati: Rossi-Hayden-Crutchlow e il ritorno in Superbike

hayden ducati

 

Audi parla di investimenti importanti: ma in che settore? Ducati sembra essere il Team che più di tutti cambierà nella prossima Stagione: Nicky Hayden potrebbe anche andare in Superbike, mentre Rossi piace ad Audi e Crutchlow ammette candidamente le trattative.

Il Weekend poco brillante del Sachsenring non frena le ambizioni di Cal Crutchlow e i suoi progetti per il 2013. L’inglese ha confidato alla BBC di non ricevere risposte da Yamaha Factory e di essere continuamente in contatto con Borgo Panigale.

“Stiamo parlando con Ducati, anche perchè da Yamaha non arrivano segnali positivi e sembra non esserci alcuna novità per me. Posso stare ancora in Tech3, ma non con una moto ufficiale. La verità è un pilota non potrà mai vincere un Titolo senza l’appoggio diretto della Casa”

Il Cinghiale di Coventry ha da sempre ammesso di trovarsi bene con l’attuale Team e che la sistemazione ideale, oggi, sarebbe una M1 Ufficiale schierata proprio dal Tech3. Come avveniva con Marco Simoncelli, per farci capire: una HRC con carenatura San Carlo Gresini.

L’ipotesi è sfumata subito con il “No” categorico di Yamaha ed ora non sembra esserci spazio per l’inglese nel programma 2013 accanto al Box del confermato Jorge Lorenzo: comprensibile vista la presenza di Ben Spies (anche se in crisi di risultati) e di un compagno come Andrea Dovizioso al terzo podio in quattro gare.

Ecco così che Cal butta un occhio sulla futura Ducati GP13: le contese in HRC sembrano chiuse, con Pedrosa riconfermato e Marquez al posto di Stoner.

Ducati, Audi o non Audi/Rossi o non Rossi, potrebbe rivelare le maggiori novità: se è vero che Valentino potrebbe rimanere (in Volkswagen non sono stupidi e trattenendolo si potrebbero garantire Campagne Pubblicitarie da capogiro per tutti i loro prodotti, indipendentemente dai risultati sportivi) non bisogna escludere a priori che la sella “libera” possa essere quella di Nicky Hayden.

Non per demeriti: i Rumors che lo vogliono nel rinnovato (e rientrante)  Team Ducati Corse nel Mondiale Superbike non mancano, complice anche il probabile accordo di Carlos Checa con il Team BMW: non è un segreto che, in questo calderone di piloti in orbita, ci sia anche Max Biaggi.

Borgo Panigale sarebbe ben felice di avere un pilota americano sulla nuova 1199: sia per questioni sportive, sia per questioni di marketing e commerciali. Un Hayden (magari vincente) sulla nuova creatura potrebbe aprire ulteriori varchi al Marchio italiano nel ricco Mercato Statunitense.

“Kentucky Kid” è l’uomo-immagine ideale: serio, mai rumoroso in pubblico, amatissimo dai connazionali e veloce.

Si è parlato di sforzi che Audi e il Gruppo VW hanno intenzione di fare tra i Prototipi, senza defilarsi. Le costruzione di una nuova moto “da zero” è assurda e l’ha ovviamente esclusa lo stesso Rossi: bisogna lavorare su alcuni aspetti specifici.

Forse avrebbero dovuto farlo sin dall’inizio, ma questo è un altro discorso. Quale potrebbe essere “lo sforzo”? Si è parlato molto di un Reparto Corse riorganizzato a livello umano prima che tecnologico, ma noi proviamo a guardare più alla pista.

E’ lecito ipotizzare che nel 2013 Ducati possa portare tre Piloti Ufficiali? Valentino Rossi, Nicky Hayden, Cal Crutchlow. Uno sforzo importante per lavorare su quei dettagli, su quelle caratteristiche, su quei particolari.

Con un pilota in più aumenti il feedback e le potenzialità: hai più opinioni, più sensazioni, più indicazioni. Più istruzioni sulle quali lavorare e un campione più grande che permetta a Tecnici ed Ingegneri di trarre le proprie conclusioni e orientare il lavoro.

A Ducati manca una struttura come Yamaha o come HRC (che nel 2011 schierò 4 Top Riders), ovvero un Team Satellite capace (e messo nelle condizioni) di lavorare ad alto livello: il Team Pramac usa una moto ormai “vecchia” e con aggiornamenti che si sono limitati all’elettronica (un solo Step evolutivo), mentre la AB Cardion di Abraham non si capisce bene cosa sia.

Secondo me è questo lo scenario più logico.

 

Commenti

commenti