Il Team Alstare annuncia l’addio, Suzuki lascia anche Superbike e Supersport!

suzuki_alstare

 

 

Tipo l’addio alla MotoGP, Suzuki Alstare annuncia il cessare di ogni tipo di attività agonistica nei Mondiali Supersport e Superbike! Lo ha annunciato Francois Batta, titolare del Team: la decisione arriva dopo la rinuncia di Suzuki a fornire il consueto appoggio e l’addio di molti Sponsors.

Francois Batta ed il Team Alstare non ce l’hanno fatta: nè a convincere la Suzuki, nè a rilevare altri Team Ufficiali (ci avevano provato con Yamaha e con Kawasaki), nè a trovare altre Aziende disposte ad investire.

La situazione economica è critica e, purtroppo per noi appassionati, si riversa inevitabile anche e soprattutto sul Mondo dei Motori. Un Circus ormai sempre più attento al Budget ed a soluzioni che possano contenere spese che, in tempi di recessione, non sono ormai più sostenibili. O, meglio, troppo dispendiose ed impegnative per la quasi totalità delle Case.

 

Il manager Belga ha lavorato strenuamente, nel corso di questi mesi, per non far calare il sipario su una Squadra capace di trascorrere 15 anni da protagonista e di schierare piloti di altissimo livello: da Pirovano ed Haslam passando per Biaggi, Chambon e Troy Corser.

E’ così che Batta, pur ammettendo che “è impossibile accusare Suzuki di essersi voluta dedicare al proprio mercato commerciale invece che alle Corse in un momento così delicato per la nostra economia” rilancia dicendo che “i costi in Superbike si potrebbero ridurre limitando la possibilità di modifiche rispetto alle versioni Superstock, tornando al livello di un tempo”. Ed, inevitabile, parlando del Team Crescent (nuova squadra che, nel 2012, schiererà Leon Camier in sella proprio ad una Suzuki) che Batta si dichiari “speranzoso del fatto che la Suzuki mantenga le promesse e non scelga di supportare il Team Crescent o altre squadre, sarebbe un comportamento profondamente scorretto“.

 

Commenti

commenti